Mandela Day

di Patrizia Montagner
Ricordare chi è stato Mandela è anche una occasione per ragionare su particolare modo di gestire la guerra e la pace.

Qualche considerazione psicoanalitica sul suicidio assistito

di Franco DeMasi

Il punto di vista che voglio illustrare non ha nulla a che fare con il desiderio di schierarsi pro o contro la necessità di arrivare, anche in Italia, a una legge che permetta di lasciare la vita quando, per ragioni oggettive, questa diventa impossibile.

La maledizione di essere niente

di Monica Massari
Presentazione di Patrizia Montagner

Monica Massari, da anni, porta avanti  all’Università di Milano un progetto di raccolta di storie dei migranti che raggiungono l’Europa attraverso il Mediterraneo e la Rotta Balcanica.

Trans-Parents

Anna Cordioli intervista Etta Andreella

In occasione della giornata contro l’Omo-trans-fobia, ascoltiamo la testimonianza di una “Trans-parent” che ci parla del bisogno di ascolto.

I campi di confinamento nel XXI secolo

Convegno Internazionale I campi di confinamento nel XXI secolo e le responsabilità dell’Unione Europea Commento di Patrizia Montagner  Si è  concluso lo scorso 8 maggio un convegno internazionale sul tema dei campi di confinamento e delle politiche Migratorie dell’Europa  organizzato da : Rivolti ai Balcani ; Rete Diritti Accoglienza e Solidarietà Internazionale del FVG e […]

Per una Psicoanalisi che ami e rispetti la Terra

di Cosimo Schinaia

Come fare fronte alla netta contraddizione tra, da una parte, le immagini del progresso, dell’inesauribile, dello sviluppo illimitato che si è eretto a modello non oltrepassabile e, dall’altra, le carestie e le informazioni sul clima che drammaticamente ci piovono addosso?

Stanno distruggendo Odessa!

The Wolf Man – Graphic Freud, written by Richard Appignanesi & illustrated by Harasymowicz

di Valsta Polojaz

Ad Odessa, tra le altre cose, c’è una delle dimore di Sergej Pankejeff, che Freud chiamò “L’uomo dei lupi”. le immagini di un viaggio diventano una occasione di memoria e vicinanza.

Sarajevo Ora e Allora

l'assedio di Sarajevo

Di Maja Dobranić

Il 5 maggio 2022 ricorrono i 30 anni dall’inizio dell’assedio di Sarajevo, una lunghissima e sangiunosa pagina della storia europea che speravamo non si ripetesse. Ce ne parla Maja Dobranić, una collega di Sarajevo che fu testimone di quel terribile assedio .

SARAJEVO NEKAD I SAD

Assedio di Sarajevo

Maja Dobranić

5. maja 2022 bo minilo 30 let od začetka obleganja Sarajeva, zelo dolge in sangvinične strani evropske zgodovine, za katero smo upali, da se ne bo nikoli več ponovila. O tem nam pripoveduje Maja Dobranić, sodelavka iz Sarajeva, ki je bila priča temu grozljivemu obleganju.